mercoledì 23 novembre 2016

Negli ingranaggi della famiglia



(Ricardo Blázquez Pérez) Da tempo viviamo una situazione familiare diversa. In tale contesto va inserito tutto quanto è accaduto nelle due assemblee sinodali del 2014 e del 2015. Sono convinto che sia stato provvidenziale che per vari anni, in modo sinodale e in senso ampio, abbiamo affrontato il tema del matrimonio e della famiglia. Per la prima assemblea era già stato definito un tema, poco dopo l’elezione al soglio pontificio di Papa Francesco, ma credo che il fatto di cambiarlo sia stato provvidenziale, come pure il fatto di affrontarlo in due assemblee strettamente collegate. Una prima assemblea per esaminare ciò che avveniva in quel campo e le sfide che si ponevano, e una seconda per analizzare la vocazione alla famiglia e al matrimonio cristiano.
Il frutto è l’esortazione apostolica Amoris laetitia, nella quale vengono trattate diverse questioni. Per questo è un documento lungo, che affronta la vocazione al matrimonio cristiano in tutto il suo iter, dalla preparazione alla celebrazione e all’accompagnamento, per lo meno nei primi anni. In tutte le diocesi dobbiamo includere l’accompagnamento per inserire Amoris laetitia nell’azione pastorale. 
È chiaro, e deve essere chiaro a tutti, che non vengono esaminate solo le situazioni che possiamo definire, tra virgolette, “irregolari”. Amoris laetitia affronta chiaramente le situazioni che esistono tra noi, tra conoscenti, amici e familiari. Ma non si ferma lì. 
Papa Francesco descrive proprio il modo concreto in cui relazionarci pastoralmente con i giovani, con le famiglie e con le situazioni a volte di crisi, a cui dedica diversi punti. Come nel ministero sacerdotale, anche nel matrimonio ci sono momenti di crisi. Ma crisi non significa cedimento. A volte la situazione tranquilla in cui ci trovavamo viene messa in discussione, entra in crisi, e richiede di essere affrontata con serenità. Crisi significa discernimento profondo, questa esortazione invita a realizzare detto discernimento a partire dall’accompagnamento. 
Francesco nell’esortazione mostra quale deve essere l’orientamento da dare alla vita reale del matrimonio e della famiglia. Amoris laetitia spiega in che cosa consiste il disegno di Dio sul matrimonio e sulla famiglia. Potremmo allora pensare che tutti, noi e i coniugi, non siamo assolutamente all’altezza. Ma non dobbiamo vederlo come un ideale irraggiungibile, bensì come il disegno di Dio per la nostra vita. 

L'Osservatore Romano

Nessun commento:

Posta un commento