martedì 6 dicembre 2016

Certa come una cambiale

5 preghiere da recitare quando si ha paura della morte


5 preghiere da recitare quando si ha paura della morte
 Parole potenti da tenere a portata di mano “adesso e nell'ora della nostra morte” 

 JOANNE MCPORTLAND

Morte. I giorni cupi dell’inverno fanno ricordare la fine della vita, anche se ci prepariamo a celebrare la nascita di Colui che pone fine alla morte.
La morte può far paura anche ai cattolici, perché siamo umani. Conosciamo la perdita e il dolore, comprendiamo la sofferenza. La nostra società non supporta la contemplazione della nostra morte – sia come astrazione futura che, in base alla nostra età e alle nostre condizioni di salute, come prospettiva più o meno imminente. E tuttavia riconosciamo di vivere in un mondo in cui, come ci ricorda Gesù nei Vangeli del periodo d’Avvento, la nostra fine arriverà probabilmente come un ladro nel cuore della notte.
È una benedizione, allora, che il tesoro di preghiera della Chiesa ci offra parole di conforto e preparazione per quei momenti in cui dovremo affrontare il timore della morte. Ecco cinque preghiere e qualche suggerimento ulteriore tratti dalle preghiere familiari e dalla Scrittura.

1. Rivolgetevi a San Giuseppe

La tradizione ci dice che Giuseppe morì pacificamente tra le braccia dell’amata moglie e del figlio adottivo. Quale persona migliore a cui rivolgerci perché interceda per farci avere una fine così benedetta (che significa “felice”)?
Preghiera a San Giuseppe per una buona morte (tradizionale)
O beato Giuseppe, hai esalato l’ultimo respiro nell’abbraccio amorevole di Gesù e Maria. Quando il sigillo della morte chiuderà la mia vita, vieni con Gesù e Maria ad aiutarmi. Ottieni per me questo sollievo in quel momento – morire con le loro sante braccia ad avvolgermi. Gesù, Maria e Giuseppe, affido la mia anima, vivente e morente, nelle vostre sacre braccia. Amen.
2. Chiedete la grazia di sconfiggere il nemico
La paura della morte è uno dei più grandi inganni del diavolo. Pregare per ricevere la grazia di resistere alle bugie del nemico nel corso della nostra vita può rafforzarci per la battaglia finale.
Preghiera a Cristo per ottenere la grazia (da iBreviary)
Signore Gesù,
effondi in me lo spirito del tuo amore,
perché nell’ora della mia morte
possa essere degno di vincere il nemico
e di ricevere la corona celeste. Amen.
3. “Entrate” in Cristo
Se moriamo con Cristo, ci viene assicurato che risorgeremo con Lui. Quando la paura della morte ci attanaglia, questa splendida litania ci ricorda il nostro rifugio.
Anima Christi (tradizionale)
Anima di Cristo, santificami.
Corpo di Cristo, salvami.
Sangue di Cristo, inebriami.
Acqua del costato di Cristo, lavami.
Passione di Cristo, rafforzami.
O buon Gesù, esaudiscimi.
Nelle tue ferite nascondimi.
Non permettere mai che sia separato da Te.
Dal nemico maligno difendimi.
Nell’ora della mia morte chiamami e invitami a venire al Tuo fianco,
possa io lodarti con i Tuoi Angeli e i Tuoi Santi per tutta l’eternità. Amen.
4. Fate amicizia con Sorella Morte
San Francesco d’Assisi chiude la sua splendida lode della creazione di Dio con una preghiera a Sorella Morte. Quando la incontriamo e la riconosciamo come nostra sorella, possiamo prepararci ad essere pronti quando ci coglierà.
Dal Cantico delle Creature
Laudato si’ mi’ Signore per sora nostra morte corporale,
da la quale nullu homo vivente pò skappare.
Guai a quelli ke morrano ne le peccata mortali.
Beati quelli ke trovarà ne le tue santissime voluntati,
ka la morte secunda no ‘l farrà male.
Laudate et benedicete mi’ Signore’ et ringratiate et serviateli cum grande humilitate.
5. Riposate nella certezza che “tutto andrà bene”
L’anacoreta inglese medievale Giuliana di Norwich emerse dalle porte della morte – sperimentata come malattia spaventosa e depressione – con una visione della vera realtà dell’amore eterno di Dio. Ripetere questa preghiera basata sui suoi scritti può essere un mezzo per confortarci di fronte a qualsiasi tipo di paura o ansia.

Preghiera per il conforto (basata sugli scritti di Santa Giuliana di Norwich)
Dio, tu sei il mio aiuto e il mio conforto;
tu mi ripari e mi circondi di un amore così tenero
che posso sentire la tua presenza accanto a me ora e sempre. Amen.
Altri suggerimenti
Oltre alle cinque preghiere menzionate, avvaletevi di preghiere tradizionali come l’Ave Maria (“prega per noi peccatori, adesso e nell’ora della nostra morte”) e la preghiera all’Angelo Custode. Come invocazione ripetuta, usate le parole di Gesù al momento della morte: “Nelle tue mani, Signore, consegno il mio Spirito”, dal Salmo 31 – una buona risoluzione per ogni giorno. Si può trovare conforto anche in altri tre salmi: il Salmo 23 (“Il Signore è il mio pastore”), il Salmo 46 (“Dio è per noi rifugio e forza”) e il Salmo 91 (“Tu che abiti al riparo dell’Altissimo e dimori all’ombra dell’Onnipotente”). Leggere i salmi ad alta voce spesso fa scoprire nuovi livelli di significato.
Traduzione dall’inglese a cura di Roberta Sciamplicotti

Nessun commento:

Posta un commento