lunedì 20 febbraio 2017

La gioia di pensare

Risultati immagini per vittorino andreoli la gioia di pensare

Se tutti gli atei fossero come questo qui...

***

Vittorino Andreoli a Soul, ieri alle 12.30 su TV2000, ospite di Monica Mondo (dal minuto 22 al minuto 24...):

Andreoli: STIAMO REGREDENDO ALL'UOMO PULSIONALE...

Mondo: la follia aumenta, in questo caso...

A.: sì, perchè diventa pulsione... vede, il termine pulsione sostituisce il vecchio "istinto"... però è più giusto pulsione perchè l'stinto dà l'impressione di qualcosa di ineluttabile, mentre la pulsione è qualcosa che ci spinge ma che possiamo in qualche modo frenare... I freni inibitori... non ci sono più. Noi ormai... voglio questo! Succede ogni giorno... quello desidera una cosa...

M.: uno uccide i genitori, la fidanzata..

A.: sì, perchè è un ostacolo, e siccome è un ostacolo lo tolgo! E non si ha più il senso della morte.. allora fà un pensiero.. che cos'è la morte. Magari trovi il Mistero.. magari trovi la soluzione di una religione.. Ecco, il pensiero per me è sacro. Vede.. la donna.. grande problema della donna.. perchè 

LA REGRESSIONE VERSO LA PULSIONALITA' RITORNA A FARE DELLA DONNA UNA PREDA. QUESTO E' TREMENDO. MA ALLORA PENSA ALLA SACRALITA' DELLA DONNA. LA SACRALITA'... VEDE.. A ME INTERESSA PIU' LA SACRALITA' DELLA DONNA CHE PUO' DIVENTARE MADRE RISPETTO A QUELLA CHE PUO' DIVENTARE IL  CEO, L'AMMINISTRATORE DELEGATO... LA MADRE! AH, CHE MERAVIGLIA!

La donna diventa il laboratorio in cui dal nulla .. nasce un bambino... e poi un uomo... Ecco...
Allora tu uomo fà un pensiero su cosa è la donna rispetto a te, uomo...

***

Medico, psichiatra di fama internazionale, volto noto della tv, fertile saggista, con Vittorino Andreoli si potrebbe parlare di tutto con profondità di giudizio e competenza, perchè è raro trovare persona più attenta alla realtà e a ciò che muove il cuore dell’uomo. Con lui, ospite di Soul, si è parlato di una vocazione tenace, nata in una famiglia eroica, si è parlato di follia, che non è zona rossa dello scarto umano; si è parlato di comunicazione, invasiva e ottusa, di pensiero, a partire dal suo ultimo saggio, La gioia di pensare. Elogio di un’arte dimenticata, edito da Rizzoli. E si è parlato di Dio.

Vedilo qui:  https://t.co/KoB8EwvBSu

Nessun commento:

Posta un commento