mercoledì 29 marzo 2017

Só' lacreme d'ammore e non è acqua!...




Una melodia immortale accompagnata da spendide foto della città di Napoli.
È la storia di un amore senza speranza di un giovane per una ragazza che abita dietro la finestra Vascia (misera, solo perché resta chiusa), un classico "ammore 'e vìco" d'altri tempi. La canzone originale non ci è pervenuta, abbiamo la trascrizione di Guglielmo Cottrau, autore ed editore, che si può considerare il padre della Canzone Napoletana moderna, avendo per primo, dal 1820, curato la trascrizione musicale delle canzoni dei secoli precedenti, affidandone i testi a poeti locali, tra cui Paolella e Biscardi, confinati nell'oblio per le note vicende storiche del 1860. Affidò questo testo aulico a Giulio Genoino, valente poeta-letterato di Frattamaggiore, dimenticato dalla storiografia letteraria italiana e spesso confuso con un omonimo salernitano del seicento, il consigliere di Masaniello. Il Genoino riporta fedelmente il testo del 1500, adattandolo alla lingua parlata nel 1800, anche nei termini in allora disuso o perfino dimenticati, con un ottimo risultato. 


***


Finestra bassa (o misera)

Fenesta vascia 'e padrona crudele,

quanta suspire mm'haje fatto jettare!...

Mm'arde stu core, comm'a na cannela,

bella, quanno te sento annommenare!

Oje piglia la 'sperienza de la neve!

La neve è fredda e se fa maniare...

e tu comme si' tanta aspra e crudele?!

Muorto mme vide e nun mme vuó' ajutare!?...




Vorría addeventare no picciuotto,

co na langella a ghire vennenn'acqua,

Pe' mme ne jí da' chisti palazzuotte:

Belli ffemmene meje, ah! Chi vó' acqua...

Se vota na nennella da llá 'ncoppa:

Chi è 'sto ninno ca va vennenn'acqua?

E io responno, co parole accorte:

Só' lacreme d'ammore e non è acqua!...

***

Finestra bassa di una padrona crudele,

quanti sospiri mi hai fatto sprecare!.....

Questo mio cuore arde come una candela,

bella, se sento il tuo nome pronunciare!

Orsù prendi esempio dalla neve!

La neve è fredda ma si fa accarezzare....

Ma tu sei così aspra e crudele?!

Mi vedi morire e non mi vuoi aiutare!?....




Vorrei diventare un bel garzone,

che con la brocca va vendendo l'acqua,

e poter gridar tra questi caseggiati

"Mie belle donne, ah! chi vuole l'acqua....."

Si volge una ragazza in su dall'alto:

"Chi è il bel garzone che vende l'acqua?"

Le risponderei con parole dosate:

"Sono lacrime d'amore, non è acqua!....."



Nessun commento:

Posta un commento