mercoledì 12 aprile 2017

Agnelli e capre


L'immagine può contenere: 1 persona, sMS


"Il male vince sempre grazie agli uomini dabbene che trae in inganno; e in ogni età si è avuta un’alleanza disastrosa tra abnorme ingenuità e abnorme peccato."gilbert keith chesterton

***

Boldrini adotta due pecorelle, Gaia e Gioia - Foto e video

SOLO CHI HA CONOSCIUTO E SPERIMENTATO IL SACRIFICIO D'AMORE DELL'AGNELLO DI DIO ANNUNCERA' CREDIBILMENTE LA VERITA' DELL'AMORE AL MONDO
Sono persuaso che non saranno gli slogan, le battute ad effetto e tantomeno le discussioni ad aiutare e a mettersi in discussione quanti, per mille e una ragione, sono convinti nelle proprie posizioni. Per lo meno non così è successo a me, anzi, l'armamentario mondano è lì proprio per indurre le persone a chiudersi e a difendere le proprie idee, perché più e meno tutti, consciamente o inconsciamente, mettiamo in esse tutto noi stessi. Di più, spesso le idee coincidono con la nostra stessa identità, attaccate queste ci sentiamo attaccati nel più intimo, ed è automatico e naturale (secondo la natura ferita dall'orgoglio) scattare in piedi e difenderci. Vediamo incoerenza nell'attenzione per gli agnelli mentre si è a favore dell'aborto, eutanasia e sperimentazione genetica? Pensiamo alle nostre contraddizioni e incoerenze, sovente ben identificate ma che, per paura di restare nudi e indifesi, piuttosto di convertirci cerchiamo di dissimulare o nascondere. Come potremmo esserne liberati per vivere una vita nuova nella verità e nella libertà? Incontrando un testimone che annuncia con zelo, parresia e amore autentico per la salvezza dell'altro ciò che ha sperimentato e vive: il potere di Cristo su ogni contraddizione e incoerenza perché è l'unico che conosce il cuore dell'uomo, non lo giudica, ma vi scende sino ai recessi più nascosti e inconfessabili per strapparvi il seme velenoso della menzogna satanica e deporvi la sua stessa vita nel soffio del suo Spirito. Io, sono stato salvato, e continuo ad esserlo, da questi apostoli che, con pazienza, hanno saputo annunciarmi l'amore di Dio e correggermi nell'unico ambiente in cui la Verità, Giustizia e Misericordia si incontrano, la Chiesa che è il corpo benedetto del Signore Risorto. Ma perché qualcuno vada alla Chiesa è necessario che vi sia chiamato dai segni credibili e autentici della Verità che si fa carne in testimoni concreti. Per tornare agli agnelli, il mondo che si oppone alla loro macellazione per scoprire che il problema non è mangiare o non mangiare l'abbacchio ma il cuore dell'uomo dove nasce la violenza, ha bisogno di agnelli miti che, colmi della vita di Cristo, eterna e quindi sovrabbondante, si lascino macellare senza opporre resistenza rivelando così un cuore guarito e trasformato per generare amore e non violenza. Non c'è altra porta alla salvezza che la Chiesa possa offrire, ovvero il miracolo di un amore celeste che annunci e testimoni la Verità capace di svelare come la violenza che uccide gli animali senza umanità in vista del profitto è la stessa che scarta le persone, siano esse un embrione malato, un malato terminale, o la moglie o il marito che non risponde più ai miei bisogni, schemi o ideali. Solo chi ha conosciuto il potere dell'amore di Cristo che ha sconfitto la morte, più forte cioè del peccato che genera la violenza, e ha visto il suo cuore trasformato nella fornace ardente delle viscere misericordiose della Chiesa, può offrire l'occasione di vedere incarnata la Verità che rende liberi e di accoglierla, a questa generazione che ha dimenticato Dio e lo cerca nelle ideologie, nei diritti e nella lotta contro le ingiustizie. Solo i discepoli dell'Agnello che ha preso su di sé ogni violenza e ingiustizia annunceranno credibilmente al mondo lo splendore della Verità e illuminare le tenebre dell'inganno. Per questo i martiri, anche e soprattutto i fratelli copti che hanno versato il sangue la Domenica delle Palme, sono la Parola di Dio più eloquente per tutti, cristiani e non. Non si tratta di sottolineare le mollezze della cristianità occidentale, ma di guardare dalle nostre povertà e tradimenti, all'opera sorprendente e del tutto gratuita del Padre che, come recita il Prefazio proprio della Messa per i martiri, "rivela nei deboli la sua potenza e dona agli inermi la forza del martirio". Ebbene, è proprio di questo che il mondo ha bisogno, di uomini che non nascondono la propria debolezza identica a quella di tutti, che siano consapevoli di essere inermi come chi ha creduto a un'ideologia e vi ha fondato la vita, ma che hanno sperimentato la Potenza di Dio e testimoniano, con la forza dell'amore sino alla fine, la Verità che solo un cuore salvato e trasformato da Cristo, quello degli agnelli nell'Agnello, è privo della violenza che si scatena contro animali e persone, e per questo può donarsi e accogliere l'altro senza riserve.
Japicca

Nessun commento:

Posta un commento