lunedì 3 ottobre 2016

Conferenza Stampa di Papa Francesco nel volo di ritorno dal Viaggio Apostolico in Georgia e Azerbaijan


"Così da Papa accolgo gay e transessuali". Francesco: i peccati esistono, ma l'ultima parola dev'essere di misericordia

La Stampa

(Andrea Tornielli) «Anche da Papa continuo ad accompagnare persone con tendenza e pratica omosessuali». Lo ha detto Francesco rispondendo alle domande dei giornalisti che sul volo da Baku a Roma gli chiedevano conto della durezza delle sue parole sul gender pronunciate sabato in Georgia. Lei ha parlato del gender che distrugge il matrimonio. Che cosa direbbe a chi soffre e sente che la sua identità sessuale non corrisponde a quella biologica? «Ho accompagnato nella mia vita di sacerdote, di vescovo e anche di Papa persone con tendenza e con pratica omosessuali. Li ho accompagnati e avvicinati al Signore, alcuni non possono... Ma le persone si devono accompagnare come le accompagna Gesù. Quando una persona che ha questa condizione arriva davanti a Gesù, lui sicuramente non dirà: "Vattene via che sei omosessuale!". Quello di cui ho parlato è quella cattiveria che oggi si fa con l' indottrinamento della teoria del gender. Mi raccontava un papà francese che a tavola stava parlando con i figli, e ha domandato al ragazzo di dieci anni: "Tu che cosa voi fare da grande?". "La ragazza!". E il papà si è accorto che nei libri di scuola si insegnava la teoria del gender, e questo è contro le cose naturali. Una cosa è che una persona abbia questa tendenza o questa opzione, o anche chi cambia il sesso. Un' altra cosa è fare l' insegnamento nelle scuole su questa linea, per cambiare la mentalità. Queste io le chiamo "colonizzazioni ideologiche". L' anno scorso ho ricevuto una lettera di uno spagnolo che mi raccontava la sua storia. Si sentiva ragazzo ma era fisicamente una ragazza. Lo aveva raccontato alla mamma dicendo di voler fare l' intervento chirurgico. La mamma le ha chiesto di non farlo mentre lei era viva. Era anziana, è morta presto. Ha fatto l' intervento, ora è un impiegato di un ministero in Spagna. È andato dal vescovo e il vescovo lo ha accompagnato tanto. Un bravo vescovo questo, "perdeva" tempo per accompagnare quest' uomo. Poi si è sposato, ha cambiato questa identità civile e lui - che in precedenza era lei - mi ha scritto che sarebbe stato di consolazione venire da me. L' ho ricevuto. Mi ha raccontato che nel quartiere dove abitava c' era un vecchio sacerdote, il vecchio parroco, e c' era il nuovo. Quando questo lo vedeva, lo sgridava dal marciapiede: "Andrai all' inferno!". Il vecchio, invece, gli diceva: "Da quanto tempo non ti confessi? Vieni, vieni...". La vita è la vita, e le cose si devono prendere come vengono. Il peccato è il peccato. Le tendenze o gli squilibri ormonali danno tanti problemi e dobbiamo essere attenti a dire che tutto è lo stesso: ogni caso bisogna accoglierlo, accompagnarlo, studiarlo, discernere e integrarlo. Questo è quello che farebbe Gesù oggi. Per favore però adesso non dite: il Papa santificherà i trans! Già mi vedo le prime pagine dei giornali... È un problema umano, di morale. E si deve risolvere come si può, sempre con la misericordia di Dio, con la verità, ma sempre col cuore aperto». Lei ieri ha parlato di una guerra mondiale contro il matrimonio con parole forti contro il divorzio. Ma nei mesi scorsi si era parlato di accoglienza per i divorziati. «Amoris laetitia parla di come trattare questi casi, le famiglie ferite, e c' entra la misericordia. Le debolezze umane esistono, i peccati esistono, l' ultima parola non ce l' ha la debolezza, non ce l' ha il peccato, ma la misericordia! Nel matrimonio ci sono i problemi, e come si risolvono? Con quattro criteri: accogliere le famiglie ferite, accompagnare, discernere ogni caso e integrare. Questo significa collaborare in questa ricreazione meravigliosa che ha fatto il Signore con la redenzione. L' Amoris Laetitia si deve leggere tutta, dall' inizio alla fine. C' è il peccato, la rottura, ma anche la cura, la misericordia, la redenzione». Quando andrà a trovare i terremotati italiani e come sarà questa visita? «Mi sono state proposte tre date, due non le ricordo, la terza è la prima domenica di Avvento. Appena rientrato sceglierò. Farò una visita privata, da solo, come sacerdote, come vescovo e come Papa. Vorrei essere vicino alla gente, ma non so ancora come». Quali saranno i viaggi internazionali del 2017? «Andrò in Portogallo, e visiterò soltanto Fatima. Andrò quasi di sicuro in India e Bangladesh. In Africa non è sicuro, dipende dalla situazione politica e dalle guerre. In Colombia? Ho detto che se il processo di pace riesce, quando la vittoria del plebiscito sarà sicura e non si potrà tornare indietro, potrei andare...» Quali difficoltà impediscono una visita del Papa in Cina? «Le relazioni tra Vaticano e Cina si devono stabilizzare in positivo, ci vuole tempo. Le cose lente vanno bene, quelle fatte in fretta no. Il popolo cinese ha la mia stima. L' altro giorno all' Accademia delle scienze c' è stato un convegno e c' era una delegazione dalla Cina: il presidente cinese mi ha mandato un regalo. Mi piacerebbe andare, ma non penso ancora...». Che cosa deve accadere per arrivare a una pace permanente tra Armenia e Azerbaigian? «L' unico cammino è il dialogo sincero, faccia a faccia, senza accordi sottobanco. Un negoziato onesto. E se non si può arrivare a questo, bisogna avere il coraggio di andare a un Tribunale internazionale, all' Aja per esempio, e sottomettersi al giudizio internazionale. L' altra via è la guerra. Ma con la guerra si perde tutto!». Per il prossimo premio Nobel per la pace ci sono vari candidati. Lei chi spera che vinca? «C' è tanta gente che vive per fare la guerra, per vendere armi, per uccidere. Ma c' è anche tanta gente che lavora per la pace. Non saprei dire quale persona scegliere, è difficile. Mi auguro che a livello internazionale ci sia un ricordo, una dichiarazione sui bambini, sugli invalidi, sui minorenni, sui civili morti sotto le bombe delle guerre. Credo che quello sia un peccato contro Gesù Cristo, perché la carne di quei bambini, di quella gente ammalata, di quegli anziani indifesi, è la carne di Gesù Cristo. Bisognerebbe che l' umanità dicesse qualcosa sulle vittime delle guerre». Un cattolico chi dovrebbe scegliere fra i candidati alle elezioni negli Usa: uno è lontano in molti punti dall' insegnamento della Chiesa, e l' altro che ha fatto certe dichiarazioni sugli immigrati e sulle minoranze... «Mi fa una domanda difficile. In campagna elettorale io non dico mai una parola. Il popolo è sovrano e dirò soltanto una cosa: studiate bene le proposte, pregate e scegliete in coscienza! Poi esco dal caso specifico: quando succede che in un Paese qualsiasi - per esempio come capita in America Latina - ci sono candidati che non danno soddisfazione a tutti, significa che la vita politica di quel Paese forse è troppo politicizzata ma non ha tanta cultura politica».

***

Sala stampa della Santa Sede
Ieri sera, durante il volo da Baku a Roma al termine del Viaggio Apostolico in Georgia e Azerbaijan, Papa Francesco ha incontrato i giornalisti a bordo dell’aereo in una conferenza stampa, la cui trascrizione riportiamo di seguito:
Papa Francesco:
Buonasera. E grazie tante del vostro lavoro, del vostro aiuto. È vero, è stato un viaggio breve – tre giorni – ma voi avete avuto tanto lavoro. Io sono a vostra disposizione, e vi ringrazio tanto per il lavoro. E domandate quello che volete.
Greg Burke:
Grazie, Santo Padre. La prima domanda viene dalla Georgia, la televisione georgiana, Ketevan Kardava.

Nessun commento:

Posta un commento