mercoledì 16 novembre 2016

Fragili e religiosi




Fragili e religiosi, un binomio vincente
Avvenire
(Zygmunt Bauman ) "Non c' è più religione... Dio è morto". Lo sentiamo ripetere di continuo, e qualcuno di quelli che si lanciano in affermazioni del genere pretendono di avvalorarle anche con l' autorità dei fatti: quanti sono oggi, per dire, i neonati che vengono portati in chiesa per essere battezzati, e non è forse vero che il numero delle persone che frequentano la messa domenicale è in calo - perlomeno in Gran Bretagna o nei paesi nordici?... Questi dati vengono trascelti proprio con l' intento di appoggiare la tesi, e la loro reiterata ripetizione mira a far sì che, come accade con tutti gli altri pregiudizi, alla fine l' affermazione sia considerata ben fondata e creduta vera. Ma, svolgono essi il compito loro assegnato? Forse lo farebbero, se non fosse per l' enorme e crescente volume di altri fatti che suggeriscono - e dimostrano - la diagnosi esattamente contraria: e cioè che la religione esiste e continua ad avere forza e influenza, e che i necrologi per Dio sono, quantomeno, assolutamente prematuri. Molta acqua è passata sotto i ponti di tutti i fiumi del mondo, da quando Friedrich Nietzsche, uno dei giganti della filosofia moderna, scrisse nella Gaia scienza (1882) che «Dio è morto! Dio resta morto! E noi lo abbiamo ucciso! Come ci consoleremo noi, gli assassini di tutti gli assassini? Quanto di più sacro e di più possente il mondo possedeva fino ad oggi, si è dissanguato sotto i nostri coltelli; chi detergerà da noi questo sangue? Con quale acqua potremmo noi lavarci? Quali riti espiatori, quali giochi sacri dovremo noi inventare? Non è troppo grande, per noi, la grandezza di questa azione? Non dobbiamo noi stessi diventare dei, per apparire almeno degni di essa? ». Ma Dio e ancora ben vivo, come senza dubbio lo sono - e anche ben visibili - le religioni, che poggiano sulla sua immortale onnipresenza: contrariamente all' orgogliosa rivendicazione della mente moderna secondo cui noi, uomini, siamo pienamente in grado di afferrare, comprendere, descrivere, affrontare e gestire il mondo e la nostra presenza in esso in perfetta autonomia; e contrariamente alla nostra proclamata intenzione di mettere il mondo sotto l' amministrazione unica di noi, uomini, armati come siamo di ragione e dei suoi due germogli: la scienza e la tecnologia. In netto contrasto con la loro promessa, quelle armi non sono riuscite a dotare noi, umani mortali, dell' onnipotenza - che e il tratto che definisce il Dio immortale - ed e sempre meno probabile che con tutte le loro scoperte e invenzioni terrificanti lo possano mai fare. L' impressione e che, ove mai Dio «morisse» - e cioè, esiliato dal nostro pensiero, espatriato dalle nostre vite, cessasse di essere punto di riferimento e di appello e fosse sostanzialmente dimenticato - ciò accadrebbe solo insieme con la morte dell' umanità. Se ci chiediamo perché è così e perché così deve essere, la risposta è che Dio sta per la nostra insufficienza, l' insufficienza di noi esseri umani - secondo la memorabile formulazione del grande filosofo polacco Leszek Kolakowski: insufficienza del nostro pensiero e della nostra capacita pratica; insufficienza che e del tutto improbabile possa mai essere superata. Ci sono fenomeni di cui non possiamo non essere consapevoli . come per esempio l' eternità e liinfinito, o al perché e per che cosa noi esistiamo, e perché c' è qualcosa piuttosto che il nulla, fenomeni e interrogativi che nonostante i più grandi sforzi delle menti umane più eccelse noi mai comprenderemo perché vanno ben oltre il regno dell' esperienza umana entro il quale la nostra ragione, la nostra scienza e tecnologia operano e a cui esse sono costrette a rimanere confinate. E ci sono fenomeni di cui dovremo prima o poi prendere consapevo-lezza, che non si sottometteranno mai al nostro - di esseri umani - controllo e gestione. In parole povere, ci sono limiti insuperabili a quello che noi possiamo sapere e a quello che possiamo fare. Il fatto che Dio sta per questi due tipi di fenomeni e insieme il fatto che noi siamo condannati a rimanere insufficienti assicurano nel loro intreccio l' eterna presenza di Dio nella condizione esistenziale dell' uomo. In altre parole: l' eternità di Dio, e l' eternità delle religioni che cercano di rendere vivibile la vita vissuta con la consapevolezza di tutti questi paradossi, sono garantite dall' immortalità (se misurata con i metri umani) della endemica insufficienza umana.

Nessun commento:

Posta un commento